Medici in sala operatoria
Famiglie di metafore

Famiglie di metafore: La Medicina

Questa famiglia di metafore è più moderna di quelle ancestrali che ci portiamo dietro dall’alba dei tempi. Include tutti quei termini che si rifanno alla medicina, alla cura o ai processi che sono legati alla biologia del corpo.

Sei la mia medicina…

La metafora vuole traslare un significato introducendone un altro che abbia dei legami con il precedente e così capita anche quando in campo sentimentale ci esprimiamo con:

  • è una tipa da infarto
  • hai visto quello? Le ha fatto una radiografia completa!
  • il tempo guarisce le ferite del cuore
  • mi fai stare bene
  • se sto con te passa subito tutto

o quando una scrittrice inizia il suo libro proprio con una metafora squisitamente medica:

Stesa sul pavimento del salotto, Sofia sta eseguendo la sua autopsia d’Amore. Enrico non c’è più nella sua vita e questa assenza la riempie e la svuota, di continuo. Come si può rendere di nuovo fluido un amore che è coagulato?

da “Mai meglio di così” di Virginia Ribaric

Operazioni aziendali

Anche nel regno del business capita di sentire che la medicina venga chiamata in causa:

  • nei casi in cui c’è bisogno di rianimare una riunione, o
  • discutendo di rami d’azienda in cancrena, e infine
  • quando la situazione organizzativa richiede una terapia d’urto

E non solo, ci sono contesti che possono essere aziendali o meno che si prestano particolarmente bene a questa famiglia di metafore:

  • sono in fibrillazione per domani
  • sta proprio diventando virale
  • aiutami! Mi serve assolutamente una delle tue pillole di saggezza
  • è una cosa da far risuscitare i morti
  • è un’emergenza da codice rosso
  • è una medicina amara

Senza dimenticare che il titolo stesso di questo paragrafo parla di “operazioni”.

Una iniezione di fiducia

In situazioni disperate ci vuole davvero un bel ricostituente che faccia subito ritornare in forma, perché la cura giusta è la pillola miracolosa che ci riporta alla salute che pensavamo di aver perso. Non ci interessa un palliativo e di certo le cicatrici rimangono, ma un buon amico vicino è il chirurgo che tutti desideriamo al nostro fianco quando i nostri valori sono sballati e desideriamo ardentemente rianimare il nostro spirito.

P.s. E’ interessante notare come può capitare che un ambito ne cannibalizzi un altro. La medicina infatti usa spesso termini che richiamano alla guerra, adottando le metafore corrispondenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *